Royal wedding: gli abiti di regine e principesse

Home / TENDENZE / Royal wedding: gli abiti di regine e principesse

Royal wedding: gli abiti di regine e principesse

Le nozze reali hanno sempre suscitato grande curiosità e interesse da parte dei “comuni mortali” e ora che un nuovo matrimonio si affaccia in casa Windsor stampa e pubblico sono di nuovo in fermento.

Alla fine di novembre infatti il secondogenito di lady Diana, il principe Harry, ha annunciato che la prossima primavera sposerà la fidanzata, l’attrice statunitense Meghan Markle, e subito si è iniziato a fare ipotesi su chi sarà lo stilista scelto dalla futura sposa.

Si sa infatti che il dettaglio che più interessa quando si parla di nozze è la scelta dell’abito bianco, tra l’altro lanciato di moda proprio da una regina, Vittoria d’Inghilterra, nel 1840.

Nell’attesa di scoprire come sarà il vestito di Meghan, ripercorriamo gli abiti dei più famosi matrimoni reali dell’ultimo secolo.

Nel 1947 Elisabetta II, nonna di Harry, per il suo matrimonio con Filippo Mountbatten, scelse un vestito disegnato dal sarto Norman Hartnell. L’abito, in raso scozzese, si ispirava alla Primavera di Botticelli ed era impreziosito da cristalli e perle, ed aveva un lungo strascico con ricami floreali.

Qualche anno più tardi, nel 1956, Ranieri III di Monaco sposò Grace Kelly in quello che fu definito “il matrimonio del secolo”. L’attrice indossò un abito disegnato da Helen Rose, costumista dello studio cinematografico Mgm. L’abito, a maniche lunghe e con un corpetto chiuso fino al collo con una fila di bottoncini, era composto da una parte superiore e sotto-corpetto in pizzo e da due gonne sovrapposte con una leggera coda strascico.

L’abito di Grace è ancora oggi ritenuto uno dei più eleganti di tutti i tempi ed è diventato un’icona di stile, tanto da aver ispirato anche il vestito realizzato dalla stilista Sara Burton, direttore creativo del marchio Alexander McQueen, per Kate Middleton che ha sposato il principe William nel 2011.

L’abito di Kate, ispirato alla corsetteria vittoriana, è stato realizzato in satin e gazar di seta color avorio e impreziosito da applicazioni in pizzo di vari tipi, realizzati delle ricamatrici della Royal School of Needlework di Londra.

Il pizzo sopra il corpetto velava spalle, braccia e schiena ma, a differenza dell’abito da sposa di Grace Kelly, si apriva sul davanti con un ampio scollo a V.

L’abito di Diana Spencer, che sposò Carlo d’Inghilterra nel 1981, realizzato da David Emanuel in taffetà di pura seta color avorio, è passato invece alla storia per la lunghezza dello strascico, ben 7,62 metri!

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Contattaci Subito

Nome*

Cell*

E-mail*

Dichiaro di aver letto e di accettare l'informativa sulla privacy*

Recent Posts
Torta nuziale: guida alle diverse tipologievestito-in-pizzo-errico-maria